La storia di Diego Dell’Aquila

01 DiegoDATEMI UN TORNIO E MODELLERO’ IL MONDO

“Grazie alla formazione ho scoperto un mestiere che mi ha assicurato un futuro”

Macchè studiare, meglio fare il tornitore! In fondo è una professione molto richiesta, la si vede spesso nelle bacheche delle agenzie interinali, ma ai giovani questo tipo di lavoro non sembra piacere. Proprio così, è più facile a dirsi che a farsi. Per esercitare questa professione, infatti, occorrono manualità e precisione. Bisogna saper leggere il disegno meccanico e non ci si può distrarre, perché ogni piccolo errore può costare centinaia di euro.

Lo sa bene Diego Dell’Aquila, 22 anni, operaio tornitore presso la Polimec Srl di Oleggio, impresa meccanica di precisione.

«Mi sono avvicinato a questa professione quasi per caso. Dopo le medie ho deciso di iscrivermi al corso di OPERATORE MECCANICO, con indirizzo Costruzioni su macchine utensili, presso l’EnAIP di Oleggio. Mi interessava il mondo della meccanica ma non avevo un’idea precisa di cosa fosse il lavoro di tornitura e fresatura. In due anni ho scoperto un mondo e soprattutto ho imparato un mestiere».

Un mestiere complesso e faticoso che, però, a Diego ha assicurato dopo un periodo di apprendistato, un’assunzione a tempo indeterminato. Un risultato merito di una formazione mirata, di un inserimento lavorativo, che ha fatto incontrare domanda e offerta, e soprattutto dell’impegno di un ragazzo poco interessato allo studio ma molto portato per lavori di precisione.

«Il corso mi ha permesso di imparare ad utilizzare attrezzi e dispositivi necessari per eseguire le diverse lavorazioni, effettuarne il controllo e il montaggio, nonché impostare le macchine e realizzare campioni di prova. Dal disegno meccanico ho imparato a ricavare l’oggetto richiesto, dai più semplici ai più complessi. Queste competenze sono state determinanti per il mio inserimento in azienda, prima in stage e poi in apprendistato, fino all’assunzione».

Oggi le lavorazioni di tornitura rappresentano il fiore all’occhiello dell’industria meccanica di precisione e avere le competenze per eseguirle può davvero fare la differenza per chi è alla ricerca di un’occupazione.

«In Polimec il lavoro non manca e ogni giorno imparo a fare qualcosa di nuovo. Fare il tornitore non è facile ma a me piace e soprattutto questa professione mi sta garantendo un presente e un futuro, una serenità economica e professionale. Spero di fare carriera in questo settore, occupandomi di lavorazioni sempre più complesse».

Diego ha voglia di fare. Ha un’indole curiosa. Non ha grilli per la testa ma di certo non si accontenta.

«Non amo mettermi in mostra, lascio che sia il mio lavoro a parlare per me».